Mirror Project_immagine

Mirror project#8 a cura di Sergey Kantsedal e Veronica Mazzucco

FACCIO COLAZIONE, MI CAMBIO ED ESCO – 3. MONDO

CONFERENZA PASSEGGIANDO@BARRIERA

Luciano Boccalatte – Mariateresa Crosta – Valentina Diana – Roberto Morbidelli – Frank Raes – Eugenio Tibaldi

Sabato 22 Aprile 2017 – ore 16.00 partenza da Barriera — via Crescentino, 25, Torino.

Per partecipare è necessario prenotare via mail all’indirizzo kantsedalserghei@gmail.com o telefonare 346 587 54 07 (Sergey), la quantità di posti è limitata. Evento Fb

La linea è il riferimento che si sposta
Vincenzo Agnetti

Il visibile non è un’immagine, non funziona come un’immagine. Non è quello che è davanti a noi, ma quello che ci circonda, ci precede e segue¹.

Nell’ambito di Mirror project #8 proseguono gli interventi  di “Faccio colazione, mi cambio ed esco”, mostra in quattro azioni  presso lo spazio di Barriera, a cura di Sergey Kantsedal e Veronica Mazzucco.
Dopo l’azione sull’Identità di Apparatus 22  e quella sul Corpo di Hannes Egger  tocca ora a Cose Cosmiche, portare l’istituzione Barriera all’esterno, in esplorazione del Mondo e sabato 22 aprile alle ore 16.00 sarà possibile partecipare alla Conferenza Paseggiando, a cura di Cose Cosmiche.

Conferenza Passeggiando è un’azione collettiva che si propone di disegnare percorsi-conferenza invitando ricercatori di vari ambiti a parlare (esporsi) camminando. In questa occasione diventa un esperimento di attraversamento non convenzionale di Barriera di Milano a Torino. Percorreremo l’area di Barriera con l’attitudine al contempo dispersiva e immersiva della passeggiata allineando il pensiero al ritmo dei nostri passi.

Con Frank Raes, fisico dell’atmosfera, entreremo ne La vita di C, insolubile, inodore e insapore elemento per milioni di composti partecipe assieme a noi dei cambiamenti climatici. Delineeremo sentieri relativistici per mappare lo spazio-tempo celeste attraverso gli “occhi” di Gaia ad 1,5 milioni di km da noi con l’astrofisica Mariateresa Crosta. Tra le vie, guidati telefonicamente da Roberto Morbidelli dell’Osservatorio Astrofisico di Torino, sperimenteremo connessioni tra mappe terrestri e mappe cosmiche e parleremo di trasmissione, conservazione e migrazione dell’informazione nella sua forma viva di “dato”. Continuando la riflessione sulla trasmissione e la mappatura della memoria, i racconti di Luciano Boccalatte, Direttore dell’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea, ci riporteranno al momento dell’Insurrezione di Torino e agli avvenimenti e alle persone che ne sono stati i protagonisti. Tra migrazioni e resistenza, attraverso lo sguardo dell’artista Eugenio Tibaldi scopriremo le ‘Architetture Minime’, rivelatrici di una battaglia fra macro sistemi e micro storie.

Interventi:
Sentieri relativistici di Gaia, Mariateresa Crosta, ricercatrice dell’Istituto Nazionale di Astrofica (INAF) presso l’Osservatorio Astrofiico di Torino.
La noneternità — Architetture Minime, Eugenio Tibaldi, artista.
Le due città nell’insurrezione, Luciano Boccalatte, Direttore dell’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea “Giorgio Agosti” di Torino.
La vita di C, Frank Raes, fiico dell’atmosfera — European Commission, Joint Research Centre, Ispra.
Barriere, Valentina Diana, scrittrice.
Il dato, “dato”, Roberto Morbidelli, Funzionario Tecnico Scientifio dell’Istituto Nazionale di Astrofiica, Osservatorio Astrofiico di Torino.

¹ Jean-Christophe Bailly, Il partito preso degli animali (Le parti pris des animaux)

 

Sergey Kantsedal (nato nel 1989 a Kharkov, Ucraina) e Veronica Mazzucco (nata nel 1987 a Feltre) sono due curatori indipendenti conosciuti in occasione di CAMPO15, Corso per Curatori d’arte contemporanea promosso dalla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino.

Cose Cosmiche è una piattaforma di ricerca, produzione e collisione di idee. Un catalizzatore di artisti, scienziati e ricercatori provenienti da varie discipline chiamati a presentare le loro ricerche più recenti e riflessioni su spazio, tempo, vuoto, energia e materia. Cose Cosmiche è a cura di Helga Franza e Silvia Hell.www.cosecosmiche.org

Barriera è un’associazione no profit nata nel 2007 a opera di un gruppo di amici, appassionati d’arte contemporanea, con lo scopo di promuovere iniziative, mostre ed eventi nell’ambito dell’arte contemporanea, favorendo la formazione e la crescita di giovani artisti e realtà culturali.  www.associazionebarriera.com
Partner
MEF – Museo Ettore Fico
Bagni Pubblici di via Agliè
Radio Banda Larga
Fondazione Arthur Cravan
Musound
Duparc Contemporary Suites
ADD Business Chance on Art
Teatro Garabato oppure Piccolo Piccolo
Ecomuseo Urbano della Circoscrizione 6

 

 

 

Share

Sabato 25 marzo – 1st Planetary Meeting – aperitivo e concerti – Galleria Giuseppe Pero, Milano

Aperitivo e ai concerti della serata conclusiva del workshop curato da Alan Alpenfelt per la realizzazione dell’opera di poesia sonora Mein Vater erzählt mir jeden Sonntag unsere neun Planeten.
Cose Cosmiche ha fatto da acceleratore nella realizzazione dell’incontro.
1st planetary meeting INVITO - ITA

 

INVITO

all’aperitivo con concerti in occasione del primo incontro di

MEIN VATER ERZAEHLT MIR JEDEN SONNTAG UNSERE NEUN PLANETEN


SABATO 25 MARZO 2017
19.30

Dove:
Galleria Giuseppe Pero, Via Luigi Porro Lambertenghi, 3, 20159 Milano

Saranno presenti i musicisti e scrittori:

Werner Hasler (CH), Zeno Gabaglio (CH), Luca Martegani (I), Mario Pegoraro (CH), Dominique Le Gendre (F/Trinidad Tobago), Peter Werwimp (B), Lea Roger (B), Hubert Monroy (B), Hannah Silva (UK), Olga Kokchova (Ru), Immanuel de Souza (F)
Curatore Alan Alpenfelt (UK/CH).

Mein Vater erzählt mir jeden Sonntag unsere neun Planeten è un’opera di poesia sonora sul nostro spazio concepito per radio e per la performance dal vivo. Si ispira ai nove pianeti del sistema solare presentando 18 poemi, musicati e scritti da 9 collettivi di musicisti e poeti svizzeri ed europei. L’opera sfida il linguaggio e la musica ad esplorare lo spazio connettendoci con ciò che non conosciamo: una dialettica tra profonda paura e innata contemplazione.

il 25 marzo si svolge il primo incontro tra gli artisti presso la Galleria Giuseppe Pero di Milano, il Planetario di Milano e un talk insieme all’astrofisico Luca Valenziano.
La giornata finisce con dei brevi concerti offerti da alcuni dei musicisti.

-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-°-

Il progetto è a cura di V XX ZWEETZ, Human Kind Records, Pulver und Asche Records e la Fondazione Svizzera per la Radio e la Cultura.

Share

TheResidents-invito

THE RESIDENTS / Studi Festival #3
14-18 marzo 2017
Focus: Sabato 18 Marzo 2017 ore 18-24
Fondazione Arthur Cravan, Via Aleardi 11, Milano

THE RESIDENTS: Pamela Breda, Concetta Modica, Athena Corcoran-Tadd e Viola Yip.

The Residents festeggia sabato 18 Marzo la fine di un ciclo di Residenze presso la sede delle Fondazione Arthur Cravan. I segni lasciati dagli artisti che vi hanno soggiornato dal luglio 2015 al gennaio 2017 saranno visibili in occasioni di Studi Festival #3.

The Arthur Cravan Foundation began an artistic residence program inside its headquarters in Via Aleardi in Milan in July 2015.
With ‘The Residents’ we wish to celebrate the traces left by the first resident artists: Pamela Breda, Concetta Modica, Athena Corcoran-Tadd and Viola Yip.
Durante ‘The Residents’ – da Martedì 14 a Sabato 18 Marzo ore 14.00-17.00 – sarà anche possibile visionare parte di Les Sublime Archive: saranno consultabili fisicamente i quaderni di appunti donati all’archivio e alcune delle ultime acquisizioni ancora in via di digitalizzazione.
A partire da Giugno 2017 la Fondazione Arhur Cravan in collaborazione con Cose Cosmiche inaugura nuovo ciclo di residenze e lancia il nuovo bando di partecipazione che sarà reso pubblico la sera di Sabato 18 Marzo 2017.

Durante The Residents sarà possibile sostenere Les Sublimes archive acquistando la shopping-bag disegnata da Domenico Antonio Mancini per LSA in occasione di Les Sublimes Archive – As horses in all directions, Torino, 2015.

 

 

La Fondazione Arthur Cravan è ispirata al performer dadaista A. Cravan ed ha l’obiettivo di supportare, produrre e promuovere idee e progetti artistici considerati “Irrealizzabili”, “non convenzionali” e “Senza Futuro”.

Les SublimesArchive è un archivio digitale di quaderni di appunti e note di autori e ricercatori provenienti da varie discipline. Un archivio dedicato alla condivisione della parte più pura (o impura), primaria e improduttiva della creazione e della generazione di idee. L’idea è di rendere consultabili i materiali più intimi del processo creativo che raramente sono accessibili e messi in mostra. Idee ‘nude’, altamente contagiose, poetiche e non ancora diventate opera(tive).
www.lessublimes.org

COSE COSMICHE è un catalizzatore di artisti, scienziati e ricercatori provenienti da varie discipline interessati a riflettere e confrontarsi su spazio, tempo, energia e materia. Cose Cosmiche è a cura di Helga Franza e Silvia Hell.
www.cosecosmiche.org

 

Share

img_5409 borsa-domenico-antoniomanciniper-lsa1
les-sublimes-archive-as-horses-in-all-directions-web

LES SUBLIMES ARCHIVE – As horses in all directions
A cura di Cose Cosmiche

English>

PHOTO>

Talk’s program>

Dal 4 al 6 novembre – Q35, Via Quittengo 35, Torino
Opening Venerdì 4 Novembre – 19.00 – 01.00
Sabato 5 novembre ore 19.00 – Talk As horses in all directions: Lilith Grassi (Astrofisica / IT) e Maurizio Guerri (Filosofo / IT)

«Il primo posto dove io sono possibile» F. Nietzsche ¹

Non è dal lavoro che nasce la civiltà, essa nasce dal tempo libero e dall’ozio. Alexandre Koyré ²

Les Sublimes Archive – As horses in all directions è un’esposizione di quaderni di appunti e note di artisti, filosofi, scienziati e ricercatori provenienti da varie discipline che si terrà a Torino dal 4 al 6 novembre 2016 durante il festival Nesxt dedicato a realtà indipendenti italiane.
Les Sublimes Archive, ispirato all’utopia parigina di fine ‘800 e al gruppo dei ‘Sublimi’ ³, è un archivio in divenire, nato nel 2015, dedicato alla parte più pura (o impura), primaria e improduttiva della creazione artistica e della generazione di idee. L’idea è di rendere consultabili i materiali più intimi del processo creativo che raramente sono accessibili e messi in mostra. Idee ‘nude’, altamente contagiose, poetiche e non ancora diventate opera(tive).
Nell’area allestita da Cose Cosmiche all’interno del festival i quaderni (gli appunti) saranno esposti e sfogliabili e saranno digitalizzati entrando a fare parte dell’archivio online. more>

lsalogonesxt_logo

logofac
EN

les-sublimes-archive-as-horses-in-all-directions-web img_5409 borsa-domenico-antoniomanciniper-lsa1

LES SUBLIMES ARCHIVE – As horses in all directions
Curated by Cose Cosmiche

November 4- 6, Q35 – Via Quittengo 35, Turin
Opening Friday November 4 – from 7pm to 1am
Saturday November 5- at 7pm – Talk As horses in all directions: Lilith Grassi (Astrophysics / IT) e Maurizio Guerri (Philosopher / IT)

PHOTO>

Talk’s program>

‘Les Sublimes Archive – As horses in all directions’, is an exhibition of the notebooks containing notes and jottings by artists, philosophers, scientists and researchers from various disciplines. It is to be held in Turin from 4 to 6 November, during the Nesxt Festival devoted to independent Italian realities.

‘Les Sublimes Archive’, inspired by the Parisian utopia at the end of the 19th century and the group Les Sublimes, is an archive in progress that began in 2015. It is devoted to the most pure (or impure), primary and unproductive part of artistic creation and the generation of ideas. The aim is to make available for consultation the most personal material associated with the creative process, which is rarely accessible and displayed in an exhibition. These are highly contagious, poetic, ‘bare’ ideas, that are not yet ‘work(ing)’.

The notebooks will be displayed and can be looked through in the area arranged by Cose Cosmiche at the festival. They will also be digitized and enter the online archive http://www.lessublimes.org/.

Notebooks by: Marco Belfiore, Franco Berardi Bifo, Pamela Breda, Alessandro Broggi, Michele Capararo, Giampaolo Capisani, Massimo Cappi, Ermanno Cristini, Alessio De Girolamo, Lilith Grassi, Maurizio Guerri, Debora Hirsch, Loredana Longo, Domenico Antonio Mancini, Fabrizio Perghem, Chiara Pergola, Dan Perjovski, Luca Pozzi, Luca Scarabelli, Francesco Tampieri, Eugenio Tibaldi, Enzo Umbaca, Sophie Usunier, Luca Valenziano.

‘Les Sublimes Archive – As horses in all directions’ devoted to different ways of thinking, to the city of Turin, to Friedrich Nietzsche hugging the horse and the exhausted satellites orbiting the earth. During the exhibition of the archive’s new acquisitions there will be talks by the philosopher Maurizio Guerri on Nietzsche’s thought in his final years and by the astrophysicist Lilith Grassi on the issue of the debris of orbiting satellites and possible ways of disposing of it.

For more information tel. +39 3335346000; +393497936240. mail@cosecosmiche.org

COSE COSMICHE is a platform/catalyst for artists, scientists, and researchers across various disciplines interested in reflecting on and confronting the concepts of space, time, energy, and matter. Directed by Helga Franza and Silvia Hell www.cosecosmiche.org

THE ARTHUR CRAVAN FOUNDATION, inspired by the Dadaist performer A. Cravan, is dedicated to supporting, producing, and promoting artistic projects and ideas deemed to be “unrealizable,” “non-conventional” and “No Future.”

NESXT Festival: http://www.nesxt.org/

lsalogonesxt_logo

logofac

Share

Conferenza passeggiando_Borca
IMG_4085 IMG_4146160723.125352

CONFERENZA PASSEGGIANDO @ PROGETTOBORCA
A WALKING CONFERENCE @ PROGETTOBORCA

Sabato 23 Luglio 2016, ex villaggio Eni, Borca di Cadore (BL)
Ore 10.30-13.30 / 14.30-19.30 ( È necessaria prenotazione)

programma>

photo>

more>

La linea è il riferimento che si sposta  / A line is a reference point that shifts
Vincenzo Agnetti

Il visibile non è un’immagine, non funziona come un’immagine. Non è quello che è davanti a noi, ma quello che ci circonda, ci precede e segue. / The visible is not an image, it doesn’t function like an image. It’s not what’s in front of us, but what’s all around us, what comes before and after us. (1)

Cose Cosmiche, in collaborazione con Dolomiti Contemporanee / Progettoborca, vi invita a partecipare a Conferenza passeggiando, un esperimento di attraversamento non convenzionale dello spazio dell’ex villaggio Eni di Borca di Cadore.
Il camminare, in effetti, permette di vedere dinamizzando delle linee, linee di canti (song lines) che disegnano il territorio aborigeno, linee di fuga che bucano lo schermo del paesaggio nella sua rappresentazione più tradizionale, linee di streghe, come direbbe Deleuze, che trascinano il pensiero dietro al movimento delle cose […].(2)
Percorreremo l’area dell’ex colonia per bambini progettata dall’architetto Gellner negli anni ’50, con l’attitudine al contempo dispersiva e immersiva della passeggiata. Allineando il pensiero al ritmo dei nostri passi, ascolteremo le riflessioni e gli ultimi studi di astrofisici, ricercatori e artisti. more>

Cose Cosmiche, in collaboration with Dolomiti Contemporanee / Progettoborca, is pleased to invite you to A Walking Conference: an unconventional journey through the former Eni Village in Borca di Cadore.
In the act of walking, we see lines take form around us, melody lines that trace the primitive landscape, lines of flight that pierce the screen of the natural world as it’s more traditionally represented, witch’s lines, as Deleuze called them, that drag our thoughts along behind the movement of objects […].(2)
We’ll make our way through the former children’s colony, designed in the 1950s by the architect Edoardo Gellner, allowing the walk to immerse and disperse us as it may. As our thoughts fall in line with our footsteps, we’ll hear from astrophysicists, researchers, and artists as they share their reflections and the details of their latest projects. more>

Facebook event>

umbaca-CAM00773 2

 

Share

GEORGE !!

Se raccogliere un’arma è l’unico modo per rendere rivoluzionaria la fuga, ti chiediamo: quale arma metteresti in tasca?

If the only way to make an escape revolutionary is to pick up arms, we ask: which weapon would you tuck in your pocket?

IMG_4059-crop

About George >

George 01 is a a pocket-sized mini-fanzine curated by Cose Cosmiche and published by Arthur Cravan Foundation.
George first release is about how to built a collective resistance.
If the only way to make an escape revolutionary is to pick up arms, we ask: which weapon would you tuck in your pocket?

Puoi trovare George_01 qui /You can find George_01 here:
• Fondazione Arthur Cravan, via Aleardi 11, Milano – tel 3335346000 >
• Ciocca arte contemporanea, Via Lecco, 15, Milano >
• Spazio 22, Viale Sabotino 22, Milano (Debora Hirsh exhibition) >
• Rivoli2, via Rivoli 2, Milano >
• A + B Contemporary Art, via Gabriele Rosa 20a, Brescia >
• Nowhere, via del Caravaggio 14, Milano >
• Libreria Utopia, via Marsala 2, Milano >
• ar/ge kunst, Museumstr. 29, Bozen / Bolzano >
• 401 Contemporary, Potsdamer Strasse 81B, Haus i10785 Berlin >
• PROGR Westflügel, 4. Stock, Speichergasse 4, Bern >
• Art-house galerie Sandra Marti, Scheibenstrasse 6,
Thun >
• Tip Type press , 608 South Avenue, Pittsburgh, United States >
• Progetto Borca, Ex Villaggio ENI, via Mattei 5, Borca di Cadore
>
• Ncontemporary, Gate Mews Sw7, London >

Richiedi una copia di George: mail@cosecosmiche.org

Request a copy: mail@cosecosmiche.org

IMG_3871

Share

george e riss(e)

Scroll down for English

George e Riss(e)

OPENING/FOCUS Sabato 19 Marzo 2016
Fondazione Arthur Cravan
Via Aleardi 11, Milano
Orari: dal 15 al 18 marzo ore 14.00 – 18.00, il 19 marzo (opening) ore 18.00

Fino al 26 Marzo visitabile SU APPUNTAMENTO ( +39 3335346000)

In occasione di Studi Festival#2 dal 15 al 19 marzo la Fondazione Arthur Cravan ospita un’incontro di intenzioni, due progetti contigui – immersivi in spazi raccolti: Riss(e) e George.
Lo spazio Riss(e), dallo spirito nomade che trova nell’erranza la propria dimensione etica, sarà presente in forma di zaino: al suo interno la mostra in fuga di Sergio Limonta.
Il rivoluzionario sa che la fuga è rivoluzionaria, sempre se durante la fuga si raccogliere un’arma, e così Cose Cosmiche e la Fondazione Arthur Cravan, lanciano il primo numero di George, una microfanzine tascabile che raccoglie le armi che ci metteremmo in tasca, tra cui un intervento inedito di Antonio Caronia.

Su George 01 interventi di:
Alterazionivideo, Franco Berardi Bifo, Heath Bunting, Michele Capararo, Giampaolo Capisani, Massimo Cappi, Antonio Caronia, Gianluca Codeghini, Claudio Corfone, Danilo Correale, Ermanno Cristini, Carlo Dell’Acqua, Gianluca D’Incà Levis, Marta Fernandez Calvo, Thomas Feuerstein, Helga Franza, Michele Guido, Silvia Hell, Debora Hirsch, Joykix, Gaetano La Rosa, Domenico Antonio Mancini, Davide Mancini Zanchi, Nicolas Martino, Rebecca Moccia, Concetta Modica, Bruno Muzzolini, the 181 (Brandon Boan, Abby Donovan, Tom Hughes, Jason Rhodes), Eugenio Tibaldi, Dan Perjovski, Todd Portnowitz, Premiata Ditta, Angelo Sarleti, Luca Scarabelli, Enzo Umbaca, Sophie Usunier, Luca Valenziano, Massimilano Viel, Diego Zuelli.

La Fondazione Arthur Cravan è ispirata al performer dadaista A. Cravan ed ha l’obbiettivo di supportare, produrre e promuovere idee e progetti artistici considerati ‘Irrealizzabili’, ‘non convenzionali’ e ‘Senza Futuro’.

COSE COSMICHE è una piattaforma-catalizzatore di artisti, scienziati e ricercatori provenienti da varie discipline interessati a riflettere e confrontarsi su spazio, tempo, energia e materia. Cose Cosmiche è a cura di Helga Franza e Silvia Hell.

Riss(e) vuole essere piuttosto un “dovunque”, un “altrove”; una sorta di piattaforma che si sposta trovando nell’erranza la propria dimensione etica.A cura di Ermanno Cristini

Fondazione Arthur Cravan, Via Aleardi 11, Milano
info. +39 3335346000 /39 3497936240
http://www.cosecosmiche.org/                        mail@cosecosmiche.org
https://www.facebook.com/GeorgeMicrozine01
https://www.facebook.com/ArthurCravanFoundation

________________________________________________________________________

George and Riss(e)

FOCUS/OPENING: Saturday, March 19, 2016
Arthur Cravan Foundation
Via Aleardi 11, Milan
Hours: March 15 – 18, 2pm – 6pm, March 19 (opening) 6pm – 10pm

 March 21- 26 on appointment calling +39 3335346000

On occasion of Studi Festival #2, held from March 15 – 19, the Arthur Cravan Foundation will host two intersecting projects, a meeting of aims and ideas-an intimate and immersive encounter: Riss(e) and George.
The Riss(e) art space, with a nomadic spirit whose ethics are founded on the principle of wandering, will be present in the form of a backpack: with Sergio Limonta’s exhibit on the run zipped inside.
The revolutionary knows that to flee is revolutionary, especially if you pick up a weapon on your escape. In this spirit, Cose Cosmiche and the Arthur Cravan Foundation are proud to launch the first issue of George, a pocket-sized mini-fanzine packed with all the weapons we’d tuck in our pockets, featuring previously unpublished work by Antonio Caronia.

George 01 Contributors:
Alterazionivideo, Franco Berardi Bifo, Heath Bunting, Michele Capararo, Giampaolo Capisani, Massimo Cappi, Antonio Caronia, Gianluca Codeghini, Claudio Corfone, Danilo Correale, Ermanno Cristini, Carlo Dell’Acqua, Gianluca D’Incà Levis, Marta Fernandez Calvo, Thomas Feuerstein, Helga Franza, Michele Guido, Silvia Hell, Debora Hirsch, Joykix, Gaetano La Rosa, Domenico Antonio Mancini, Davide Mancini Zanchi, Nicolas Martino, Rebecca Moccia, Concetta Modica, Bruno Muzzolini, the 181 (Brandon Boan, Abby Donovan, Tom Hughes, Jason Rhodes), Eugenio Tibaldi, Dan Perjovski, Todd Portnowitz, Premiata Ditta, Angelo Sarleti, Luca Scarabelli, Enzo Umbaca, Sophie Usunier, Luca Valenziano, Massimilano Viel, Diego Zuelli

The Arthur Cravan Foundation, inspired by the Dadaist performer A. Cravan, is dedicated to supporting, producing, and promoting artistic projects and ideas deemed to be “unrealizable,” “non-conventional” and “No Future.”

COSE COSMICHE is a platform/catalyst for artists, scientists, and researchers across various disciplines interested in reflecting on and confronting the concepts of space, time, energy, and matter. Cose Cosmiche is curated by Helga Franza and Silvia Hell.

Riss(e) aims above all to be a “somewhere”, an “elsewhere”; a sort of platform on the move, who founds its ethics on the principle of wandering. Curated by Ermanno Cristini

Arthur Cravan Foundation
Via Aleardi 11, Milano
+39 3335346000 /39 3497936240
http://www.cosecosmiche.org/                           mail@cosecosmiche.org
https://www.facebook.com/GeorgeMicrozine01
https://www.facebook.com/ArthurCravanFoundation

copertina george copia
Il rivoluzionario sa che la fuga è rivoluzionaria.
G.Deleuze e F.Guattari

È possibile che fugga, ma nel corso della mia fuga cerco un’arma.
George Jackson

Dal 15 al 19 Marzo- OPENING Sabato 19 Marzo
Fondazione Arthur Cravan
Via Aleardi 11, Milano
Orari: dal 15 al 18 marzo ore 14.00 – 18.00, il 19 marzo (opening) ore 18.00-22.00

Il rivoluzionario sa che la fuga è rivoluzionaria, sempre se durante la fuga si raccogliere un’arma, e così Cose Cosmiche e la Fondazione Arthur Cravan, lanciano il primo numero di George, una microfanzine tascabile che raccoglie le armi che ci metteremmo in tasca, tra cui un intervento inedito di Antonio Caronia.In occasione di Studi festival #2 a Milano dal 15 al 19 marzo 2016 verrà distribuito il primo numero.

Su George 01 interventi di:
Alterazionivideo, Franco Berardi Bifo, Heath Bunting, Michele Capararo, Giampaolo Capisani, Massimo Cappi, Antonio Caronia, Gianluca Codeghini, Claudio Corfone, Danilo Correale, Ermanno Cristini, Carlo Dell’Acqua, Gianluca D’Incà Levis, Marta Fernandez Calvo, Thomas Feuerstein, Helga Franza, Michele Guido, Silvia Hell, Debora Hirsch, Joykix, Gaetano La Rosa, Domenico Antonio Mancini, Davide Mancini Zanchi, Nicolas Martino, Rebecca Moccia, Concetta Modica, Bruno Muzzolini, the 181 (Brandon Boan, Abby Donovan, Tom Hughes, Jason Rhodes), Eugenio Tibaldi, Dan Perjovski, Todd Portnowitz, Premiata Ditta, Angelo Sarleti, Luca Scarabelli, Enzo Umbaca, Sophie Usunier, Luca Valenziano, Massimilano Viel, Diego ZuelliFondazione Arthur Cravan

Via Aleardi 11, Milano
info. +39 3335346000 /39 3497936240

mail@cosecosmiche.org

https://www.facebook.com/GeorgeMicrozine01
https://www.facebook.com/ArthurCravanFoundation

——————————————————-

GEORGE_Microzine n.01

“The revolutionary knows that to flee is revolutionary.”

G.Deleuze e F.Guattari

 

“I may run, but all the time that I am, I’ll be looking for a stick!”.

George Jackson

 

FOCUS/OPENING, Saturday, March 19

Arthur Cravan Foundation

Via Aleardi 11, Milan

Hours: March 15 – 18, 2pm – 6pm, March 19 (opening) 6pm – 10pm

 

The revolutionary knows that to flee is revolutionary, especially if you pick up a weapon on your escape. In this spirit, Cose Cosmiche and the Arthur Cravan Foundation are proud to launch the first issue of George, a pocket-sized mini-fanzine packed with all the weapons we’d tuck in our pockets, featuring previously unpublished work by Antonio Caronia.

 

The release of the first issue will coincide with Studi Festival #2 in Milan, held from March 15 – 19, 2016.

 

George 01 Contributors:

Alterazionivideo, Franco Berardi Bifo, Heath Bunting, Michele Capararo, Giampaolo Capisani, Massimo Cappi, Antonio Caronia, Gianluca Codeghini, Claudio Corfone, Danilo Correale, Ermanno Cristini, Carlo Dell’Acqua, Gianluca D’Incà Levis, Marta Fernandez Calvo, Thomas Feuerstein, Helga Franza, Michele Guido, Silvia Hell, Debora Hirsch, Joykix, Gaetano La Rosa, Domenico Antonio Mancini, Davide Mancini Zanchi, Nicolas Martino, Rebecca Moccia, Concetta Modica, Bruno Muzzolini, the 181 (Brandon Boan, Abby Donovan, Tom Hughes, Jason Rhodes), Eugenio Tibaldi, Dan Perjovski, Todd Portnowitz, Premiata Ditta, Angelo Sarleti, Luca Scarabelli, Enzo Umbaca, Sophie Usunier, Luca Valenziano, Massimilano Viel, Diego Zuelli

The Arthur Cravan Foundation, inspired by the Dadaist performer A. Cravan, is dedicated to supporting, producing, and promoting artistic projects and ideas deemed to be “unrealizable,” “non-conventional” and “No Future.”

COSE COSMICHE is a platform/catalyst for artists, scientists, and researchers across various disciplines interested in reflecting on and confronting the concepts of space, time, energy, and matter. Cose Cosmiche is curating by Helga Franza and Silvia Hell.

 

Arthur Cravan Foundation

Via Aleardi 11, Milano

+39 3335346000 /39 3497936240

http://www.cosecosmiche.org/  mail@cosecosmiche.org

https://www.facebook.com/GeorgeMicrozine01

https://www.facebook.com/ArthurCravanFoundation

 

 

 

 

Share

LES SUBLIME ARCHIVE IS ONLINE!

ENJOY on http://www.lessublimes.org

2

“Sublime is that which the soul cannot avoid” (1)
“It is not labor that gives us culture, but leisure and idleness.” Alexandre Koyré (2)

Les sublimes archive is a work in progress.
Les sublimes archive handles analogue notebooks > more

Share

IMG_2595mappa lessublime archive_conferenza passeggiata

LES SUBLIMES ARCHIVE               Conferenza passeggiando

Mercoledì 22 luglio 2015   Dalle h 18.00               Via Aleardo Aleardi / angolo Paolo Sarpi, Milano

“Sublime è ciò che l’anima non può evitare” (1)
“Non è dal lavoro che nasce la civiltà, essa nasce dal tempo libero e dall’ozio” Alexandre Koyré (2)

In occasione di 6pm Your Local Time Europe, mercoledì 22 luglio alle 18.00, la Fondazione Arthur Cravan è lieta di presentare la conferenza Les Sublimes Archive a cura di Helga Franza e Silvia Hell.  more>

Share

LesSublimes@fondazcravanLES SUBLIMES

A cura della Fondazione Arthur Cravan e Cose Cosmiche

10 – 15 febbraio 2015 ore 18 – 21

PROROGATA FINO AL 27/2 su appuntamento mail@cosecosmiche.org
Via Aleardo Aleardi 11, Milano

FOCUS ON @Studi festival: sabato 14 febbraio 18 – 21

Photo/Press >

‘I “sublimi” erano obiettori di crescita ante litteram. Denunciati dal patronato dell’epoca perché immorali, questi proletari che preferivano la festa al lavoro e si dimostravano incapaci di sottomettersi alla disciplina dell’officina non erano altro che portatori del punto di vista popolare sulla vita.’ ¹

Ispirata all’utopia del “Sublime’’ Parigino del 1870 e a quest’attitudine di decrescita, rallentamento e di condivisione delle idee nella loro forma più ‘primaria’ e ‘semplice’, la Fondazione Arthur Cravan chiede ad artisti, musicisti e scrittori di mettere a disposizione i loro taccuini e quaderni di appunti, disegni, materiali preparatori….more

THANKS TO STUDI FESTIVAL!!

foncrav-presp-nero

Arthur Cravan Foundation

Share